Patrizio Cacciari

Oggi è un elegante commentatore televisivo, ma Sergio Brio, classe 1956, è stato un arcigno stopper che in carriera ha legato il suo nome principalmente alla Juventus, con cui ha vinto 4 scudetti e cinque competizioni UEFA per club, come solo altri sei calciatori al mondo. A cavallo degli anni 1970 e 1980 è stato un pilastro della difesa bianconera, insieme a compagni del calibro di Gaetano Scirea, Claudio Gentile e Antonio Cabrini, davanti a portieri come Dino Zoff e Stefano Tacconi. Complessivamente in 13 stagioni ha disputato con la Juve 379 partite realizzando 24 reti.

intervista sergio brio

Sergio Brio è uno dei pochi calciatori al mondo ad aver vinto 5 competizioni internazionali diverse.

Intervista in esclusiva a Sergio Brio

Brio, lei ha fatto parte di un blocco Juve capace di vincere cinque competizioni internazionali in sette anni. E’ questa la differenza con la Juventus di oggi?
Questa Juve ha vinto tanto, ma le mancano i successi europei. Ormai lo aspettano tutti, tifosi e addetti ai lavori. Il mio augurio è di arrivarci presto, già da quest’anno. La società ha lavorato per questo con forti investimenti per vincere nell’immediato. Gli arrivi di Higuain e Pjanic hanno questo significato.

La Juventus è uno schiacciasassi eppure c’è sempre qualcuno che si lamenta. Perché secondo lei? Alla Juve non si perdona nulla?
Era così anche ai miei tempi. Polemiche continue, la gente pensa chissà cosa ci sia dietro, ma la Juventus viaggia verso il sesto strameritato scudetto. Le lamentele sono alibi per giustificare le proprie sconfitte. Gli episodi dubbi riguardano, soprattutto quest’anno, anche altre squadre.

Il rigore fischiato al 97′ è stato giusto concederlo? Lei da difensore si sarebbe arrabbiato?
Chiariamo subito questo aspetto: non l’avrei mai concesso, ma avrei dato quello prima su Dybala. E non per compensazione. Vede, anche nell’utlima giornata ci sono stati episodi poco chiari: i due rigori concessi al Napoli con le lamentele del Crotone, oppure qualche settimana fa il doppio tocco di Bacca sul rigore contro il Sassuolo. Questo per dire che la classe arbitrale sbaglia, ma non lo fa a senso unico.

La moviola in campo in questo senso potrebbe aiutare?
Sono favorevole solo per la valutazione dei gol/non gol. Per il resto credo che possa servire a pochi episodi. Prendete la questione del rigore in Juve-Milan: dopo 5 minuti di moviola in tutte le trasmissioni c’erano ancora divisioni tra favorevoli e contrari. Deve decidere l’uomo non una macchina.

Tavecchio sarà presidente della Figc per altri 4 anni…
Avrei preferito Abodi, tifavo per lui. . Volevo una ventata fresca, di innovazioni, ma altre società che prima erano con Abodi alla fine non lo hanno votato. Evidentemente gli va bene così.

La Juventus e soprattutto Allegri vogliono la finale di Champions. Un cerchio che si chiude?
Credo di sì. Allegri probabilmente andrà via a fine stagione. E’ stato un tecnico straordinario, che ha fatto benissimo. La Juventus lo rimpiangerà.

Allegri probabilmente andrà via a fine stagione. E’ stato un tecnico straordinario, che ha fatto benissimo. La Juventus lo rimpiangerà.

Un altro allenatore italiano che andrà all’estero perché il nostro campionato è poco competitivo?
La leggo in maniera differente: un altro allenatore italiano che va all’estero perché i nostri tecnici sono migliorati tanto e sono molto richiesti.

Questa Juve passerà alla storia anche per lo storico blocco difensivo: Bonucci, Chiellini, Barzagli, davanti ovviamente a Buffon. Brio avrebbe fatto il titolare?
Ogni giocatore al suo tempo. Non vedo questi giocatori adatti ai miei anni, sono cambiate le caratteristiche tecniche degli atleti.

Però lei gli avrebbe fatto sudare la maglia da titolare ogni domenica…
(Sorride, ndr) Facciamo così, le faccio la lista degli attaccanti che marcavo ogni domenica, poi decidete voi: Pulici, Graziani, Rummenigge, Pruzzo, Van Basten…