Redazione

La querelle sui valori dei calciatori nei videogiochi è vecchia più o meno quanto il mondo videoludico. Errori e sopravvalutazioni sono all’ordine del giorno. O almeno lo erano, perchè ora è priorità assoluta degli sviluppatori far sì che le statistiche e le caratteristiche rappresentate nel gioco siano il più fedeli possibile alla realtà. Oggi è tutto molto più semplice per quel che riguarda parametri come l’altezza, il peso e l’aspetto, ma anche, a grandi linee, per punti forti, punti deboli e colpi speciali. Basta avere internet sotto mano ed un profilo sarà, più o meno, pressochè perfetto (non come un vecchio Championship Manager, che riteneva che il punto forte di Miccoli fosse…il colpo di testa).

Per Salah uno dei maggiori upgrade degli ultimi anni

Ma se è vero che spesso e volentieri il potenziale dei calciatori viene esagerato, portando alla nascita di leggende virtuali, le cui prestazioni in campo non corrispondono assolutamente a quelle offerte dietro uno schermo, capita anche ai migliori di sbagliare per difetto. È stato il caso di Harry Kane, che lo scorso anno ha richiesto un aggiornamento delle sue capacità come finalizzatore su Football Manager, forte di 28 reti nella stagione precedente. Ma difficilmente ci si era sbagliati come sul conto di Momo Salah. L’egiziano ex Roma è infatti il protagonista di uno dei maggiori upgrade della storia recente di FIFA. Nell’ultimo aggiornamento il suo valore complessivo è schizzato a 88, partendo dal precedente 83.

Velocità, dribbling e tiro: il centravanti perfetto?

Ma ciò che convincerà migliaia di giocatori a fare follie per aggiudicarsi l’egiziano nella propria squadra di FIFA 18 sono le caratteristiche e soprattutto la possibilità di cambiare ruolo all’esterno del Liverpool. Come è ovvio che fosse, gli sviluppatori si sono concentrati sulla velocità del calciatore (che raggiunge un picco di 96), il dribbling e, un po’ a sorpresa forse, sul tiro, che da un normalissimo 73 è salito fino ad un ottimo 87. Probabilmente il fatto che alcuni dei 19 gol già realizzati da Salah in questa stagione siano stati messi a segno col piede destro (che prima Momo utilizzava molto di rado per calciare) ha influito su quest’ultima scelta. E ha regalato ai videogiocatori un calciatore che può essere allenato per fare il centravanti, un ruolo in cui con queste statistiche Salah rischia seriamente di diventare devastante.

Ottima fine 2017 dunque per l’egiziano, che oltre a un trasferimento da 50 milioni di euro e molti premi, tra cui il prestigioso Pallone d’Oro africano, ha visto aumentare il suo valore…anche nei videogiochi.