Adriano Stabile

Heather Parisi e Lorella Cuccarini, bionde icone anni ’80, tornano in tv stasera e domani, su Rai 1 con lo show “Nemicamatissima”. Le due splendide ballerine giocheranno un po’ sulla loro eterna rivalità, nata 30 anni fa in televisione quando Heather, 56 anni, statunitense di Los Angeles, era una star affermata e Lorella, 51 anni, romana, iniziò a scalfire il suo regno. Cosa c’entrano con il calcio? Basta scavare nella memoria, sfogliare qualche rivista d’epoca e il legame è tutt’altro che labile. Heather Parisi ebbe una love story semiclandestina con Diego Maradona, asso del Napoli, mentre Lorella Cuccarini si è limitata a un legame “simbolico” con Rudy Völler, centravanti della nazionale tedesca e della Roma.

Cuccarini Parisi Maradona

Heather Parisi, 56 anni, stasera su Rai 1 in Nemicamatissima

Parisi e Cuccarini, la mente va a Maradona e Völler

Parisi Maradona

Oggi del 13 febbraio 1985

La despampanante diva che goleó el corazon de Maradona” (l’esplosiva diva che ha fatto gol nel cuore di Maradona) titolò il 29 gennaio 1985 il quotidiano di Buenos Aires “Cronica” a proposito del flirt tra Heather Parisi e il Pibe de Oro. La notizia ormai era di dominio pubblico: Diego ed Heather erano stati riconosciuti da un casellante in autostrada, in uno dei tanti viaggi dell’asso argentino tra Napoli e Roma, per incontrare la soubrette. Di lì a poco la storia finì su tutti i giornali di cronaca rosa e, in seconda battuta, anche su quelli sportivi. «La storia è chiusa, io ed Heather siamo personaggi pubblici, siamo famosi, ma siamo anche persone normali, come tutti gli altri – disse in quei giorni Maradona, che era fidanzatissimo con Claudia Villafanenon capisco tutta questa confusione su un’amicizia».

MARADONA CORTEGGIA HEATHER IN DIRETTA TV
Subito dopo l’asso del Napoli, approfittando di una sosta della Serie A, partì in visita per l’Israele, a Gerusalemme e Betlemme, per esaudire un voto legato a un problema fisico superato e per riconciliarsi con Claudia. La storia con Heather Parisi fu qualcosa di più di una “cotta”: tutto era nato la sera di sabato 22 dicembre 1984, durante una puntata di Fantastico 5. Pippo Baudo organizzò un breve collegamento video con Torino, dove Maradona era in ritiro con il Napoli in vista della sfida contro la Juve poi persa 2-0 il giorno successivo. “Dieguito” si lanciò senza scrupoli in complimenti in diretta tv alla 24enne ballerina americana, visibilmente emozionata, invitandola a conoscersi di persona. Successivamente Maradona tempestò di telefonate la Parisi fino a incontrarla, finalmente, in occasione di una puntata di Fantastico in cui si esibì a palleggiare con Beppe Grillo.

Parisi Maradona

Gente del luglio 1986

LA PARISI ALLO STADIO PER VEDERE IL NAPOLI
Il 13 gennaio 1985 Heather Parisi non passò inosservata sugli spalti dello stadio di Firenze, in occasione di un freddissimo FiorentinaNapoli vinto dai partenopei proprio grazie a un sinistro di Maradona. Nella settimana successiva, secondo le riviste di cronaca rosa, si sarebbe consumato l’amore tra i due. Insieme raggiunsero Napoli per stare nella villa del fuoriclasse sudamericano, approfittando dell’assenza di Claudia, la fidanzata del calciatore, che si trovava in Argentina. “Novella 2000” pubblicò le foto dei due sul balcone di casa di Diego.
«Io e Heather siamo amici – le parole di Maradona, che il 3 febbraio 1985 provò a usare l’ironia di fronte alla curiosità della stampa – quello che dicono i giornali non m’interessa. Tra noi c’è amicizia e penso di continuare, non sarò condizionato affatto da quello che i giornali potranno dire. Anzi, alla Parisi mando un bacio grande così». La relazione, secondo i bene informati, sarebbe durata clandestinamente per più di un anno, nonostante le smentite.

UN AMORE DURATO OLTRE UN ANNO
Maradona e Parisi, è rinato il loro amore” titolava infatti il settimanale “Gente” nel luglio 1986, oltre un anno e mezzo dopo i primi contatti. Poi però tutto svanì nel nulla: chissà se influì Diego junior, nato il 20 settembre 1986 da un rapporto di una notte tra il calciatore e l’allora 22enne Cristiana Sinagra. Dopo quello shock, con tanto di rivelazione televisiva direttamente dalla clinica, Maradona (forse) mise la testa a posto e il 7 novembre 1989 sposò la sua fidanzata storica Claudia Villafane.

CUCCARINI E VÖLLER, DAL SERVIZIO FOTOGRAFICO AL TEDESCO VOLANTE
Decisamente platonico fu il legame tra Lorella Cuccarini e Rudy Völler eppure il destino ci mise lo zampino. I due si conobbero nel 1987 per un servizio fotografico organizzato dal Messaggero. Lorella era una ballerina ormai affermata nonostante avesse solo 22 anni mentre Rudy, 27enne, era un bomber in difficoltà dopo il recente approdo nella Roma. «È un ragazzo timido» osservò la bionda soubrette, le cui foto con Völler furono pubblicate nell’allegato sportivo settimanale che all’epoca usciva con il quotidiano romano.
Quell’incontro può essere interpretato come un segno del destino perché poco più di un anno più tardi, nel gennaio 1989, Lorella Cuccarini pubblicò la canzone “La notte vola” che nell’arco di poche settimane fu trasformato dalla Curva Sud romanista in “Tedesco vola”, coro dedicato a Rudy Völler. E così l’attaccante della Roma, nel frattempo sbocciato anche in maglia giallorossa, divenne il “Tedesco volante”.

Lorella Cuccarini

Lorella Cuccarini canta l’inno della Roma allo Stadio Olimpico

GLI AUGURI DI LORELLA A RUDY VIA TWITTER
A distanza di tanto tempo la soubrette romana e romanista non ha dimenticato quegli anni. Nel 2013 fece pubblicamente gli auguri di compleanno a Völler attraverso il proprio profilo Twitter ufficiale mentre il 22 gennaio 2014, nel corso di un’intervista a Radio Radio, ha raccontato la sua passione per lo stadio e per i colori giallorossi: «Vedere che una mia canzone è diventata un coro della Curva Sud per Rudi Völler è stata un’emozione grandissima, oltre che una soddisfazione. Me ne sono accorta dalla televisione, quando lo racconto ai miei figli non ci riescono a credere. Il rapporto con i laziali? Io sono una tifosa vera della Roma, amo la mia squadra, ma non per questo denigro gli altri. Sono per il tifo a favore e non  per quello contro».
Heather e Lorella, differenti pure nel loro rapporto con il calcio e i calciatori: sempre e comunque “nemiche amatissime”… soprattutto da noi.lorella-cuccarini-su-twitter-tedesco-vola-buon-compleanno-voeller-officialasroma