Redazione

Luciano Spalletti ha detto la sua sulla partita di Gerson, ieri sera, dopo la sfida della sua Roma pareggiata 3-3 contro l’Austria Vienna in Europa League: «Gerson ha fatto una buona partita, è stato continuo, diligente, quando Paredes usciva lui si schiacciava davanti ai due centrali, hanno coperto bene. Ha giocato bene palla perché la palla la sa giocare. Secondo me ha fatto una buona prestazione, ogni tanto gli ci vuole tempo, si prende il tempo che ha a disposizione, se gioca la palla lui gli altri hanno meno tempo. Se giochi palla al quarto secondo su cinque a disposizione, l’altro ha un secondo solo perché l’avversario successivo si è avvicinato. Un po’ più di velocità non guasterebbe, sono cose che troverà giocando e se ne accorgerà giocando questo campionato o in Europa, però ha fatto una buona prestazione, sono cose che bisogna concedergli perché è giovane, deve imparare, deve batterci il naso».

Spalletti ha poi polemizzato con la nazionale olandese per le condizioni fisiche di Kevin Strootman, che ieri è rimasto in panchina: «Potevo mettere 10 minuti Strootman. ma non sta ancora bene, in nazionale l’hanno massacrato, due partite senza farlo allenare, di noi non gliene frega nulla. Volevo dare un segnale alla squadra, se mettere Salah è un segnale di resa… ci vuole fantasia! È un segnale di voler fare ancora gol, ma non ci siamo riusciti».